Ultimi articoli

15/01/17

La comunicazione delle spese detraibili per il 730 precompilato

Si avvicina la scadenza del termine di presentazione della comunicazione delle spese detraibili nei condomini per la compilazione del 730/2017.
Infatti entro il 28 febbraio 2017 devono essere comunicati telematicamente all’Erario i dati necessari alla compilazione dell'apposito quadro contenente la quota di spese detraibili per lavori di ristrutturazione effettuati nelle parti condominiali nel 2016. Tale adempimento si aggiunge alle altre comunicazioni effettuate da altri soggetti (medici, farmacisti, ecc…) per poter predisporre il cosiddetto 730 pre-compilato.
E l'adempimento, nei condomini, raddoppia quelli che sono gli impegni dell'amministratore. Infatti la comunicazione telematica non elimina la comunicazione tradizionale, cartacea, dato che solo una parte dei condomini utilizzera' il 730 precompilato.
Di fatto le problematiche che investiranno gli amministratori, che sono venuti a conoscenza di tale adempimento solo a fine 2016, quindi senza aver avuto la possibilita' di procurarsi i dati necessari per tempo, le problematiche sono numerose, a partire dalla bozza delle istruzioni quasi inesistenti (parlo di bozza in quanto il provvedimento ad oggi non e' definitivo anche se certo) e per niente chiarificatrici, la necessita' di dover recuperare i codici fiscali dei beneficiari, i dubbi sul beneficiario della detrazione (corrisponde ai proprietari indipendentemente da comunicazioni pervenute all'amministratore?, cosa succede in caso di compravendita dell'immobile in corso d'anno, il beneficiario e' il proprietario al 31/12? oppure quale e' la regola da seguire?).
Il legislatore, inoltre, sembra ignorare che il contribuente può detrarre la spesa anche se il versamento della sua quota è avvenuto entro la presentazione della dichiarazione dei redditi, quindi nell'anno successivo a quello di pagamento al fornitore effettuato dal Condominio.
Insomma, un ulteriore adempimento posto a carico dei privati, con oneri a carico degli stessi, adempimento atto a facilitare il controllo delle spese detraibili, o almeno questo nelle intenzioni dell'Agenzia delle Entrate.

10/01/17

Detrazione fiscale maggiorata per interventi di riqualificazione energetica

Per le spese relative ad interventi di riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici condominiali sostenuti a decorrere dal 1/01/2017 ed entro il 31/12/2021 la misura della detrazione è aumentata, rispettivamente al:
-70%: qualora gli interventi interessino l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda;
-75%: per i lavori finalizzati a migliorare la prestazione energetica generale (invernale ed estiva) che conseguano almeno la qualità media di cui al DM Mise 26/06/2015.
L'importo della detrazione massimo e' Euro 40 mila moltiplicato per il numero di unita' immobiliari condominiali.
Come per la detrazione “ordinaria”, anche in questo caso il miglioramento della prestazione energetica dovrà asseverata da professionisti abilitati mediante attestazione.
I  beneficiari potranno optare per la cessione del corrispondente credito ai fornitori che hanno effettuato gli interventi ovvero ad altri soggetti privati (esclusa la cessione ad istituti di credito ed intermediari finanziari) con la possibilità che il credito sia successivamente “cedibile”.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails