Ultimi articoli

13/11/10

Rimborso Iva su gas metano: un miraggio


La circolare 112/E dell'Agenzia delle Entrate dispone che il rimborso va effettuato al netto delle unita' immobiliari che fruiscono contemporaneamente di impianto autonomo di somministrazione del gas metano. Purtroppo secondo un'interpretazione restrittiva dei gestori-enti eroganti, nel calcolo della franchigia di mc 480 ad unita' immobiliare, mc sui quali andrebbe rapportato il rimborso, non andrebbero conteggiate le unita' che gia' usufruiscono autonomamente di una fornitura gas uso cottura e acqua calda; in pratica il rimborso andrebbe parametrato sulle unita' immobiliari sprovviste dell'utenza gas, quindi generalmente le unita' ad uso non abitativo (uffici, negozi ecc.).

Se fosse questa l'interpretazione corretta, il beneficio per i condomini sarebbe pressoche' nullo nella maggior parte dei casi e comunque a favore di solo alcune tipologia di unita' immobiliari.
Inoltre, e questo e' ancora piu' grave, il beneficio non potrebbe essere applicato nemmeno ai consumi futuri.

Tutto questo si aggiunge allle difficolta', gia' evidenziate in altri post, che dovrebbe affrontare l'amministratore nell'effettuare il conteggio del rimborso, in quanto, nell'ipotesi piu' favorevole, dovrebbe tener conto dei metri cubi gia' assoggettati ad Iva 10%. Calcolo praticamente impossibile dato che l'amministratore non e' in possesso delle bollette personali di tutti i condomini degli utimi 2 anni e che la raccolta di tali bollette, di tutte, e' praticamente impossibile.

A questo punto sarebbe auspicabile un ulteriore chiarimento da parte del'Agenzia delle Entrate.

Nel frattempo presentare un'istanza non costa nulla e quindi e' consigliabile farlo. Di seguito un facsimile.

Istanza di rimborso Iva su gas metano in condominio

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails